FESTIVAL OCCIT'AMO 2016- Il programma di AGOSTO

Venerdì 05 agosto 2016 Revello
Piazza Denina, ore 21

Lo Còr de la Plana, Coro urbano da La Plaine, cuore pulsante di una Marsiglia cosmopolita e
fiera della sua identità occitana.
Lo Còr de la Plana è un ensemble vocale maschile che ha la particolarità di cantare in Occitano. Nato a Marsiglia nel quartiere “La Plaine”, conta sulle capacità di musicisti provenienti da altre esperienze significative.
Manu Théron viene dai Gacha Empega, Benjamin Novarino-Giana da “Nux Vomica” e Denis Sampieri da
“Raspigaous”; completano l'ensemble Sebastien Spessa e Rodin Kauffmann.
Da ormai tredici anni, nel quartiere di La Plaine a Marsiglia, Lo Còr de la Plana ha reinventato la vocalità del Midi, mescolandola alle sonorità arcaiche di un Mediterraneo violento e crudo.

Le percussioni e la voce sono la coppia emblematica di questo rituale rudimentale e minimale accompagnato dagli elementi essenziali che il corpo può ancora far battere: le mani, i piedi, la pelle. I

l canto polifonico tradizionale e la lingua occitana sono gli elementi di partenza,
presi dalla tradizione popolare da cui la loro musica si muove, ma le influenze sono molteplici sia sul piano musicale che sociale: si tocca la musica cosiddetta colta di Bartok e Pierre Schafer, il sound urbano di Massilia Sound System, Ramones, Velvet Undergound, fino alla pizzica salentina.

Una miscela musicale tra improvvisazioni vocali, testi irriverenti e ricchi di humour, che li rende alfieri di una cultura occitana aperta e moderna, testimoni della città di Marsiglia, tra le più vitali e creative d'Europa.


Sabato 06 agosto 2016 – Paesana
piazza, ore 21.30
Lilium Lyra, musiche dei trovatori e trovieri, Cantigas de Santa Maria, laude duecentesche e musica sacra latina.
Il concerto di sabato 6 agosto a Paesana sarà un tuffo nel passato, alla ricerca delle radici della musica medievale piùantica. Il progetto Lilium Lyra nasce per lo studio e l'esecuzione della musica duecentesca e trecentesca, utilizzando strumenti musicali ispirati all'iconografia o derivanti da antiche tradizioni europee ed orientali: l'ensemble propone le canzoni medievali che, seppure così lontane nel tempo, sono ancora oggi vitali e suggestive.
L'interpretazione di questo repertorio è legata non solo allo studio delle fonti e dei manoscritti, ma anche
all'improvvisazione ed alla composizione secondo i canoni del tempo: il filo conduttore della serata sarà un viaggio accompagnato dalla musica dei trovatori e trovieri, che cantavano l'amor cortese e le guerre, a metà tra suonatori e giullari, le Cantigas de Santa Maria, Laude duecentesche ed anche musica sacra latina. Unici gli strumenti imbracciati: ghironde e cornamuse, flauti e percussioni, salterio e arpa celtica.


EXTRA: NUOVI MONDI FESTIVAL: la serata sarà preceduta a Crissolo, alle 17.30 da una tappa di Nuovi Mondi Festival, presso il Centro Polifunzionale del Comune di Crissolo con “I doc del cinecamper – INNATURA” a cura di Stefano Riba e Mun ange.

Sessanta minuti di proiezione che mostrano il sottile confine tra il naturale e l'innaturale; si
passa dai leoni imbalsamati ai gatti delle nevi, dai cercatori di minerali forse non reali agli escavatori in alta montagna, dalle fortificazioni che non hanno mai esploso un colpo alle esplosioni che frantumano la roccia per farne cemento.

Tra questi estremi nasce lo spazio per domandarsi qual'è il limine dell'intervento dell'uomo nei confronti dell'ambiente alpino.

Alle 19.30 L’aperitivo artistico sotto il tendone del cinecamper, tra video arte e cibo tradizionale


Domenica 14 agosto 2016 Castelmagno
Cappella Allemandi, ore 17
Vincenzo Zitello, arpa celtica, il più grande suonatore di arpa celtica e arpa bardica in Italia
L'appuntamento di domenica 14 agosto rientra nel week end di ferragosto di Castelmagno e inaugura i concerti de “La Musica Dipinta” che si svolgono in luoghi particolarmente raccolti e suggestivi. Protagonista sarà Vincenzo Zitello, primo divulgatore e usicista a suonare l'arpa celtica in Italia, fin dal 1977. Il suo nome è legato a questo strumento del quale è virtuoso, apprezzato e conosciuto concertista a livello mondiale, che ha potuto condividere la sua arte con grandi artisti. Importantissima la sua collaborazione con Fabrizio de Andrè, Franco Battiato, Ivano Fossati, gli stessi Lou Dalfin, e una serie lunghissima di artisti italiani e internazionali che ne hanno riconosciuto l'unicità e il talento.
Dopo il concerto alle ore 19 è previsto un aperitivo occitano a borgata Chiotti, dove alle 21 sarà presente la tappa di Nuovi Mondi Festival, il camper itinerante che proietta documentari sulle nostre montagne.


EXTRA: NUOVI MONDI FESTIVAL
Alle ore 20 “La polenta occitana” polenta nera, taragna e gialla: polente occitane.
Alle ore 21 “I doc del cinecamper” con la proiezione di “Alexandre, fils des berger” di Veronique, Anne ed Erik Lapied.
Un bambino cresce imparando ad essere un pastore. Il suo sogno è guidare da solo un grande gregge di pecore in alta montagna. In collaborazione con Radio Beckwith Evangelica


Lunedì 15 agosto 2016 Castelmagno
Sagrato del Santuario, ore 16
Lou Dalfin, gli alfieri della musica d'Oc in Europa, per presentare il nuovo album “Musica Endemica”.
Il ferragosto occitano è come sempre targato Lou Dalfin, il gruppo che ha risvegliato le tradizioni musicali delle nostre valli, diventando trascinatore e punto di riferimento per l'Occitania al di qua del versante alpino.
Il tradizionale appuntamento in alta montagna che sin dalle prime edizioni ha saputo convogliare in Valle Grana un numero impressionante di partecipanti, si ripete e si celebra anche nella seconda edizione della rassegna Occit'Amo.
Il ricco programma curato in collaborazione con l'Ecomuseo delle Terre del Castelmagno, comincia nella mattinata del 15 agosto con TrekkinGrana che propone una suggestiva escursione da Campomolino al Santuario di San Magno,
percorrendo il rinnovato Cammino di San Magno. La camminata porterà gli escursionisti al concerto dei Lou Dalfin che inizierà a partire dalle ore 16. Per l'occasione sarà aperto per due giorni l'il Museo di Campomolino “Una casa per Narbona”.


Venerdì 19 agosto 2016 Stroppo
Santa Maria di Morinesio, Cappella, ore 18
Pivas, cornamuse e strumenti a ancia delle terre occitane.
Il concerto avrà luogo nella cappella di Santa Maria di Marinesio, a Stroppo, dove in un affresco è rappresentata una cornamusa, verosimilmente in uso nelle valli.

Da questa raffigurazione è stato ricostruito uno strumento che risuonerà nella cappella, insieme ad altri strumenti delle tradizioni occitane.

Una delle peculiarità dell'edizione 2016 di Occit'Amo è quella di dare voce agli strumenti tipici delle tradizioni, imbracciati di volta in volta da gruppi e soggetti differenti, non per forza strettamente legati alla musica occitana, quanto a un sentire legato a radici popolari che recupera e valorizza suoni e atmosfere.


Sabato 20 agosto 2016 Acceglio
Area sala Polivalente, ore 21
Folkstone, i re incontrastati del medieval folk rock.
I Folkstone nascono verso la fine del 2004 con un progetto che accosta l’hard rock a strumenti che la tradizione solitamente vuole in veste acustica. Spezzando quindi ogni schema, gli strumenti protagonisti della scena diventano cornamuse, bombarde, arpa, cittern, bouzouki, ghironda e flauti, creando la suggestiva atmosfera che da sempre contraddistingue la band ed il feeling con il pubblico. I 9 ragazzi bergamaschi ne hanno fatta di strada dal 2007, quando la prima demo “Briganti di Montagna” lancia due canzoni che diventeranno tra le più conosciute del gruppo. Nei loro energici live, che li vedono calcare numerosi palchi in locali e festival in Italia ed all’estero, propongono un alternarsi dei loro lavori che fino ad oggi hanno inciso. Rock ed energia pura accompagnano testi introspettivi ed autobiografici che volgono uno sguardo critico alla società odierna, raccontata anche attraverso storie di personaggi insoliti che vi hanno lasciato un segno.
Nel 2012 hanno inciso in Svezia l'album “Il Confine”, pre-finaziato dai fan che lo hanno acquistato a “scatola chiusa” mentre nel 2014 nasce l'etichetta indipendente Folkstone Records e arriva “Oltre ...l'abisso”, quinto album in studio della band.


EXTRA NUOVI MONDI FESTIVAL: La festa ad Acceglio comincia al pomeriggio dalle 16 con “Occitania specials” con la collaborazione del Comune di Acceglio, mercato con artigiani, coltivatori delle Valli occitane. Alle ore 18 RominaFeltrina di Romina Dogliani. Sfilata Artistica di abiti in Feltro Naturale di Lana e Seta manufatti in Valle Stura e alle 19 “I doc del cinecamper” con Sergio Savio, climbers, che chiacchera con il pubblico e presenta “Defaid a dringo (The climbing sheperds)” ritratto del 22enne Ioan Doyle, uno dei migliori arrampicatori inglesi, che di professione fa il pastore.


Venerdì 26 agosto 2016 Sampeyre
Frazione Rore, sagrato Chiesa Parrocchiale, ore 21
Alphorn Group, L'eccellenza del corno delle Alpi made in Italy.
L’unico gruppo italiano che affronta in modo professionale il Corno delle Alpi. I maestri Andrea Passoni, Stefano Pedratti, Ivo Fibioli e Roberto Daniel sfruttano tutte le potenzialità di uno strumento popolare antico e incredibile. Poco conosciuto e poco suonato per la difficoltà che deve affrontare l’esecutore, ma dotato di una sonorità affascinante, il corno delle Alpi viene definito non a caso “la magica voce delle montagne”.
La passione comune per i corni naturali e di conseguenza per l’Alphorn, che della Svizzera è un po’ l’emblema, ha portato le strade dei quattro musicisti ad incrociarsi e ad intrecciarsi con quel mitico corno in legno.

Alphorn group nasce nel 1994 con l’entusiasmo e la voglia di far conoscere e valorizzare l’affascinante espressività timbrica di questo raro ed incredibile strumento.

L’originalità della proposta musicale e le qualità artistiche, hanno consentito a questo insolito gruppo di suonare in tutta Italia e in Svizzera, dove è molto apprezzato.


Sabato 27 agosto 2016 Sampeyre
piazza, ore 21.30
Breabach, la band di spicco nel panorama della musica tradizionale scozzese contemporanea.
Gli scozzesi Breabach sono una delle band di spicco nel panorama della musica tradizionale scozzese contemporanea.
Nati nel 2002 da allora si sono esibiti in centinaia di concerti in Europa. Il loro è un sound che si basa sul particolare suono delle cornamuse delle Highlands, caratterizzato da ritmi molto ballabili.

La formazione incide per la rinomata Vertical Record e nel 2007 pubblicano il disco d’esordio “The Big Spree”, album che riceve unanimi consensi da parte di critica e pubblico.

Attualmente stanno promuovendo il loro quinto album realizzato in studio “Astar”, uscito a marzo
2016, alternando concerti in UK a quelli in tutto il resto d'Europa. L'album è stato ispirato dalle persone che il gruppo ha incontrato, luoghi iconici e festival internazionali, e dalle collaborazioni ed emozioni che li hanno coinvolti in questi ultimi anni. I membri della band sono Calum MacCrimmon, Megan Henderson, Ewan Robertson, James Mackenzie eJames Lindsay.


EXTRA NUOVI MONDI FESTIVAL: ore 18:00 Sampeyre “Gold show” spettacolo teatrale di e con Giorgia Goldini.
Ore 20.30 I doc del cinecamper. “NOI E GLI ORSI” di Simone Torrini La più alta concentrazione di orsi in Europa si trova in Slovenia. Qui la popolazione vive da secoli una storia fatta di incontri, conflitti, aggressioni, intolleranze e convivenze, come raccontano le voci di quelle persone che quotidianamente si trovano inevitabilmente in relazione con uno degli animali più affascinanti del bosco.