13/14/15 agosto 2017                           VALLE GRANA

 

La tre giorni è organizzata in collaborazione con l'associazione La Cevitou che gestisce l'Ecomuseo Terra del Castelmagno di Monterosso Grana

Tutte le attività sono inserite all'interno del calendario della rassegna

Expa - esperienze per persone appassionate che si svolge tra maggio e novembre e che si propone di far conoscere il ricco patrimonio naturale, culturale e gastronomico della Valle Grana attraverso momenti esperienziali

 

 

Come da tradizione, Occit'Amo lo si conclude alla grande. Tre giorni di festa in Val Grana. Un gruppo imperdibile per l'innovazione e la curiosità che sa suscitare, i Polifonic System, una giornata tra lettere e cinema, quindi la grande festa targata Lou Dalfin, il gruppo “di casa”, la direzione artistica di una rassegna esticva che per sei settimane ha contaminato e percorso le vallate e la pianura MOVE, raccontando a migliaia di persone e turisti una terra, facendola guardare, sentire e gustare.

 

 

Domenica 13 agosto 2017

Valgrana, Piazza Galimberti

 

La giornata di domenica 13 agosto sarà dedicata alla scoperta della media e bassa Valle Grana in sella alle biciclette, in compagnia di Roberto Ribero, accompagnatore naturalistico e guida Accademia Nazionale MTB. Il percorso si snoderà tra le campagne, sfruttando piste sterrate e strade a bassa frequentazione, toccando alcuni dei luoghi dove vengono prodotte alcune eccellenze agricole del territorio e diversi siti di interesse storico artistico. Si andrà così alla scoperta dei mondi in cui nascono pregiati prodotti agricoli biologici, quali il tartufo nero di Montemale, lo zafferano della valle Grana, ma anche piccole opere d'arte nascoste tra le campagne.

 

Il dislivello proposto nel corso della giornata è molto esiguo e l'itinerario, passibile di modifica per meglio rispondere alle caratteristiche del gruppo, è adatto a qualsiasi tipo di ciclista. Le uniche biciclette sconsigliate per affrontare la giornata solo le bici puramente da corsa. L'attività è rivolta al pubblico adulto e ai bambini sopra i 10 anni. Il costo è di €8 per gli adulti, gratuito per i bambini. Prenotazione obbligatoria a: expa.terradelcastelmagno@gmail.com oppure +39 388 9362815.

 

Appuntamento alle ore 10.00 presso piazza Galimberti a Valgrana, sotto la grande ruota del Mulino, simbolo della Resistenza.

 

L'itinerario si concluderà, dopo un gustoso e rinfrescante gelato, presso il punto di partenza, in tempo per il concerto Occit'amo dei Polifonic System che si terrà alle ore 18.00 presso Vicolo Trinità c/o Ospiio della Trinità . Ingresso libero.

 

ore 18.00 Valgrana

Polifonic System

 

Sono i testimoni di una delle città europee più vitali e creative d’Europa: Marsiglia. Percussioni e voce, battito delle mani, dei piedi e della pelle, pubblico. Ecco le chiavi di un emozionante concerto che si "incastra" nel gran finale di Occit'amo 2017.

 

I Polifonic System sono quattro musicisti, tutti cantano, utilizzano strumenti tradizionali e si lasciano ispirare dalla cultura occitana e non solo. Alla tradizione, miscelano le influenze che hanno attraversato i loro rispettivi percorsi musicali, dall’elettronica al rock.

 

Non accade tutti i giorni che un campione francese di beatboxing (la capacità di riprodurre tutti i suoni di una batteria e di altri strumenti attraverso l'utilizzo della bocca e della voce) come Ange B, un flautista straordinario (Henri Maquet), un ghirondista ammaliante (Clément Gauthier) e un polistrumentista (Manu Théron) formino un gruppo. E così, da questo insieme di talenti, è nato un repertorio comune, fatto di vecchi canti occitani da ballare, di quelli che gli anziani intonavano quando mancava il denaro per pagare la musica. Leggerezza e ironia, contemporaneità e tradizione per i Polifonic System.

 

 

Quattro cantanti, un uso di strumenti rudimentali e la forte ispirazione alla cultura occitana. Lo spirito che li anima, mescolando le influenze che hanno segnato il loro percorso musicale tradizionale giungendo fino alla musica elettronica o rock. I componenti hanno concordato una direzione comune, riscoprendo le vecchie canzoni occitane assumendo nuove musicalità e ritmi travolgenti che trascinano nella danza. Le quattro voci dei Polifonic System si uniscono con incredibile agilità, con un misto di leggerezza e umorismo, obbligando tutto il pubblico a danzare!

 

 

Lunedì 14 agosto 2017

Monterosso Grana

 

Nel pomeriggio di lunedì 14, a partire dalle ore 14.30, i partecipanti verranno accompagnati in una suggestiva visita all'interno del Museo Terra del Castelmagno di Monterosso Grana alla scoperta del territorio, della comunità e del patrimonio culturale e storico che si celano dietro uno dei più apprezzati prodotti della gastronomia italiana. Il Museo si è anche recentemente arricchito di una mostra temporanea sui vestiti tipici da festa che indossavano le donne di Monterosso nei primi 50 anni del Novecento. La visita proseguirà attraverso il curioso Museo permanente dei Babaciu, pupazzi a grandezza naturale in paglia e materiale di recupero, abbigliati come nel tardo Ottocento, nati nel 2003 da un'idea di Graziella Menardo, che popolano portici, balconi e stalle nella frazione San Pietro di Monterosso Grana e che cambiano spesso posizione nel corso dell'anno!

 

L'attività è pensata sia per gli adulti (costo €5) che per i bambini (gratuito). Prenotazione obbligatoria a: expa.terradelcastelmagno@gmail.com oppure +39 388 9362815.

 

In seguito la rassegna si sposterà a Pradleves dove è prevista la visita alla cooperativa agricola La Poiana e alle grotte di stagionatura del Castelmagno.

 

Ore 18.00 Pradleves – ex centralina Idroelettrica Galina - via Vittorio Nazzari 11

INCONTRO CON L'AUTORE _ Diego Vaschetto

 

 

Laureato in Scienze geologiche all’Università di Torino, specialista in scienze e culture alpine, difesa del suolo e tutela dell’ambiente, si occupa di glaciologia alpina e artica, vulcanologia, meteorologia e rilevazione nivometrica. Ha collaborato come fotografo con alcune riviste ed è stato consulente scientifico nella stesura di guide turistico-escursionistiche.

 

A seguire aperitivo/degustazione di prodotti tipici

 

Ore 21.00

Dessine-moi un chamois

 

Anne Lapied, Erik Lapied

Francia / 2016 / 67'

NATURA DOC

 

Colin ha nove anni ed è affascinato dall’attività dei nonni, registi di documentari naturalistici. La loro passione è più forte di ogni avversità ed è proprio questa determinazione ad affascinare il piccolo Colin. Deciderà di seguirli durante un viaggio all’interno del Parco nazionale del Gran Paradiso. Sarà l’inizio di una nuova scuola, dove imparerà a conoscere e a rapportarsi con la natura.

 

martedì 15 agosto

Castelmagno - Santuario

Ferragosto occitano

 

 Dove e come nasce il celeberrimo formaggio Castelmagno? Nella giornata in cui l'alta valle Grana risuonerà di melodie secolari grazie al concerto dei Lou Dalfin presso il Santuario di San Magno, la rassegna Expa propone un itinerario che proprio dal Santuario, luogo sacro da secoli per i pastori e gli allevatori, parte e tocca alcuni tra gli alpeggi più pregiati del territorio. Nel corso dell'itinerario è previsto anche l'incontro con i protagonisti di alcune aziende che metteranno a disposizione dei partecipanti conoscenze e competenze, per raccontare al meglio cosa si nasconde dietro un formaggio unico al mondo.

 

Ritrovo ore 10 presso il Ristoro del Pellegrino c/o Santuario di San Magno.

 

L'attività, guidata da Roberto Ribero e Marco Rainero, è pensata sia per gli adulti (costo €10) che per i bambini (gratuito sotto i 12 anni). Pranzo al sacco a carico dei partecipanti. Prenotazione obbligatoria a: expa.terradelcastelmagno@gmail.com oppure +39 388 9362815.

 

Ore 16.00 - il concerto

Lou Dalfin

 

La sua è la festa di fine stagione. Un incontro tradizionale, una danza alla quale il popolo occitano è chiamato da tempo. Berardo e Lou Dalfin offrono un pomeriggio che va ben oltre la musica, toccando i tasti dell'identità e della passione delle vallate che si impegnano, unite, nel racconto di una terra. Ed eccodi allora ad invitare alla danza.

Fondato da Sergio Berardo, il gruppo nasce nel 1982 con l’obiettivo di rivisitare la musica tradizionale occitana. Una "line-up" acustica (ghironda, fisarmoniche, violino, plettri, clarinetto, flauti) e un repertorio di brani storici e popolari – sia strumentali che vocali - caratterizzano il percorso artistico della formazione originaria.

Con quest'approccio vengono registrati due LP: "En franso i ero de grando guero" nel 1982 e "L'aze d'alegre" nel 1984. Dopo uno stop di 5 anni, Lou Dalfin "resuscita" nell'autunno del 1990: Sergio riunisce attorno a sé vari musicisti delle più diverse estrazioni musicali - folk, jazz e rock. L'inizio di questa seconda esperienza ha rappresentato il naturale momento di transizione del gruppo dalla formula acustica a quella attuale. Accanto agli strumenti più tipici della tradizione - vioulo, pivo, armoni a semitoun, pinfre, arebebo, viouloun, ecc. – vengono introdotti basso, batteria, chitarra e tastiere. E’ il nuovo suono di Lou Dalfin che cela un ideale e un fine esplicito: rendere la tradizione occitana fruibile dal maggior numero di persone, perché le radici culturali di pochi divengano patrimonio di tutti.

 

Oggi, dopo 34 anni di carriera, 12 album realizzati, un impressionante numero di collaborazioni e più di 1300 concerti, Lou Dalfin si sta dedicando alla nuova avventura discografica “Musica Endemica” che ha visto la luce il 1 aprile 2016 e a collaborazioni prestigiose: la musica occitana incontra l'elettronica nell’E.P. Gran Bal Dub. Il progetto nasce da un'idea di Sergio Berardo e Madaski, co-fondatore degli Africa Unite e uno dei più grandi esponenti della musica elettronica nella sua versione dub.

 

UFFICIO TURISTICO I.A.T. VALLI GRANA E MAIRA di DRONERO - Tel. 0171917080

 

#aspettandoUvernada

Arrivederci a

2/3/4/5 novembre 2017 Saluzzo