4/5/6 agosto 2017                              VALLE VARAITA

Melle, Busca

  

Venerdì 4 agosto - Melle Ala Comunale

dalle ore 21.00 laboratori con attori sul cibo

ore 21.30 proiezione del film

“Fumne, le donne che desideravano il mare” di Katia Bernardi

a cura del CineCamper Nuovi Mondi Film Festival

 

Sabato 5 agosto 2017 – Melle

 ore 17.30

 Incontro con l'autore _ Davide Longo

 IL MANGIATORE DI PIETRE

traghettare una storia dalla pagina scritta al film

 

 “Una fredda sera di settembre. Una valle del Piemonte. Dalle acque di un torrente, in fondo a una scarpata, affiora il cadavere di un uomo fulminato da due colpi di fucile. A ritrovarlo è Cesare, che tutti chiamano il Francese. Nel suo passato la giovinezza trascorsa nel porto di Marsiglia, il carcere, il ritorno nella valle lasciata da bambino e un mestiere antico che non si può dire ad alta voce, un mestiere ereditato dallo zio, fatto di risalite notturne, silenzi, fatica. La polizia comincia ad indagare, ma la valle e la sua gente si chiudono in un silenzio ostinato. Nella valle però arriva una donna decisa a far luce sui segreti nascosti dietro quel muro di silenzio. Il mangiatore di pietre è un noir ruvido e incalzante, scritto nel segno dei grandi autori italiani del secolo appena concluso. Un romanzo essenziale e grandioso, come le valli e le montagne in cui è ambientato”.

Dieci anni dopo avere scritto il romanzo ambientato in valle Varaita, il Mangiatore di pietre è diventato un film prodotto da svizzeri, tedeschi e italiani. Il film, girato da Nicola Bellucci e interpretato da Luigi Lo Cascio e molti altri bravissimi attori, mia la sceneggiatura, uscirà nelle sale probabilmente il prossimo autunno.

A Melle, il 5 agosto, in un’ora o poco più parleremo di cosa vuol dire traghettare una vicenda dalla pagina scritta allo schermo. Quali tipi di tradimenti sono necessari. E arriveremo alla bellissima conclusione che il tradimento, per fortuna, inizia molto prima. Ossia quando decido di raccontare una storia. Tutte le storie. Ci aiuteranno Mantegna, Manet, Tiziano e Caravaggio.”

 

Davide Longo

 

Davide Longo è nato a Carmagnola, non lontano da Torino. Nel 2001 ha pubblicato per la Marcos y Marcos il romanzo Un mattino a Irgalem con il quale ha vinto il Premio Grinzane opera prima e il Premio Via Po. Dello stesso anno è il libro per bambini Il Laboratorio di Pinot. Nel 2004 è uscito il suo secondo romanzo Il Mangiatore di Pietre (Marcos y Marcos), Premio Città di Bergamo e del Premio Viadana.

 

È regista di documentari (Carmagnola che resiste, Memorie dell’Altoforno), autore di testi teatrali (Pietro Fuoco e Cobalto, Il lavoro Cantato, Ballata di un Amore Italiano, About Fenoglio) e autore radiofonico per RadioRai (Centolire, Luoghi non Comuni). Ha scritto per Repubblica, Avvenire, Slow Food, Donna, Lettere, Travel. Del 2006 è La Vita a un Tratto, ed. Corraini. Nel 2007 ha curato per Einaudi l’antologia Racconti di Montagna, e pubblicato per Corraini il libro E più non Dimandare, realizzato con il pittore Valerio Berruti. Nel gennaio 2010 è uscito per l’editore Fandango il suo terzo romanzo L’Uomo Verticale, vincitore del Premio Lucca. Nell’estate dello stesso anno il volume Il signor Mario, Bach e i settanta (Keller Editore).

Dopo, Ballata di un amore italiano, edito da Feltrinelli nel 2011, è nelle librerie dal maggio 2014 il suo ultimo romanzo IL CASO BRAMARD, sempre per l’editore Feltrinelli. Vive a Torino dove insegna scrittura presso la Scuola Holden. I suoi libri sono tradotti in molti paesi.

 

Ore 19.00 - apericena in piazza Marconi con prodotti del territorio

ore 21.00 Il concerto

A Cadiera Coixa + Lou Pitakass

 

I Pirenei spagnoli e le Valli Occitane alpine si incontrano in una serata di inizio agosto. Luogo prescelto, il palco di Melle. Due gruppi e una bella sfida: far danzare il popolo occitano. Da un lato un gruppo affermato, che solca palchi internazionali, dall'altra una “band” giovanissima, “fatta in casa”, ma già aguerrita. Insomma, bisogna esserci per sapere chi vincerà la sfida di far scatenare al massimo la danza di piazza.

Il gruppo Cadiera Coixa è un gruppo che nasce dalla Cordigliera centrale dei Pirenei. Le deliziose polche “chireteras” e le canzoni "à la Garbure", le dolci mazurche del Biello Aragón sono i loro cavalli di battaglia, il tutto condito con amicizia, humor e danze tradizionali!

Lou Pitakass è un gruppo di giovani ragazzi che suonano musiche tradizionali occitane. Allievi di Sergio Berardo, nonostante la loro giovane età hanno un vasto repertorio e una sorprendente disinvoltura sul palco.

 

Domenica 6 agosto

Melle (ritrovo in Piazza Don Franco Giacomo)

ore 10.00 - escursione nei dintorni di Melle a cura della Pro Loco

a seguire pranzo convenzionato con i locali del territorio

ore 14.30 - Ala comunale - Laboratorio di intreccio in salice per bambini a cura di Esteve Anghilante

 

Busca

ore 19.00 Caffè di Città, Piazza della Rossa - Apericena con prodotti del territorio

Prenotazione obbligatoria entro le ore 12 di sabato 5 agosto al 0171/945390

e a seguire Il concerto

Roby Avena Group

 

Trio anomalo che può diventare quartetto o quintetto a seconda del momento. L'immenso repertorio tradizionale delle valli rivisitato da musicisti d'eccezione. Alla guida, Roberto Avena, giovanissimo quanto conosciutissimo musicista occitano. Roberto a 8 anni inizia ad entrare nel mondo della musica! La fisrmonica arriva con il tempo … In quegli anni infatti muore suo nonno e Roberto si ricorda quanto in vita gli chiedesse sempre di suonare la fisarmonica. Ecco che la tradizione ritorna con urgenza e prepotenza. Quella tradizione lui la mescola, la contamina, sino ad arrivare a Sergio berardo e alla collaborazione dub con Madaski, con i quali oggi percorre le strade in tour.

 

ROBY AVENA GROUP è un gruppo nato da una proposta di Sergio Berardo, e maturato direttamente sul palco, nella sua prima data di uscita. Proprio seguendo questo filone dell'improvvisazione, molti dei componenti si sono conosciuti musicalmente durante l'esibizione. L'affiatamento è stato l'ingrediente che da subito ha creato sintonia e intesa. Il repertorio prevalentemente occitano è influenzato dalle esperienze dei componenti e dai singoli strumenti (fisarmonica a bottoni, clarinetto, violino, Cajon e basso elettrico).

 

 

*I concerti e gli incontri con l'autore sono ad ingresso gratuito

 

Valle Varaita

Ufficio Turistico Piazza Marconi, 4 - 12020 FRASSINO

tel. +39  0175/970642 - fax +39 0175 970650

info@vallevaraita.cn.it

www.vallidelmonviso.it

 

 

 #Prossimoappuntamento

Vi aspettiamo in VALLE GRANA 13/15 agosto 2017