VALLE VARAITA

 

  • Giovedì 25 luglio 2019 – ore 21.00

         Busca - Piazza Giovanni Paolo II

CINECAMPER di Nuovi Mondi Festival

 

Il Dawn Wall: la roccia che nessuno ha mai osato scalare.

 

Nel gennaio 2015, gli scalatori americani Tommy Caldwell e Kevin Jorgeson hanno affascinato il mondo con il loro obiettivo di scalare il Dawn Wall, una roccia apparentemente non scalabile da 3.000 piedi nello Yosemite National Park, in California. La coppia è vissuta sulla scogliera verticale per settimane, suscitando l'attenzione dei media a livello mondiale. Ma per Tommy Caldwell il Dawn Wall era molto più di una semplice scalata. È stato il culmine di una vita dedita a superare ostacoli. All'età di 22 anni, il prodigio dell'arrampicata fu preso in ostaggio dai ribelli in Kirghizistan. Poco dopo perse l'indice in un incidente, ma ha deciso di tornare più forte. Quando il suo matrimonio è finito in pezzi è sfuggito al dolore fissandosi lo straordinario obiettivo del free climbing sul Dawn Wall. Dominati da dedizione ma anche ossessione, Caldwell e il suo compagno Jorgeson hanno trascorso sei anni a progettare meticolosamente e praticare il loro percorso. Sul finale, con il mondo intero che li osserva, Caldwell si trova ad un bivio: abbandonare il suo partner per realizzare finalmente il suo sogno oppure rischiare il proprio successo per amore della loro amicizia?

 

 

  • Venerdì 26 luglio 2019 - dalle ore 17.30

         Venasca - via Guglielmo Marconi, 15

 

LA Fabbrica dei Suoni

 

Laboratorio didattico intorno alla musica rivolto ai bambini da 5 a 13 anni (attività gratuita)

 

 in contemporanea ...

 

                           Sergio Berardo propone una lezione/incontro intorno agli strumenti e alla musica occitana

 

Possibilità di fare apericena al prezzo fisso di euro 10 nei locali di Venasca aderenti all’iniziativa: Bar birreria Special, Crystal cafè, Trattoria Commercio, Trattoria La terrazza

 

 

         ore 21.30

         Venasca – Agorà Fabbrica dei Suoni

 

LA QUIMERA

 

Sergio Berardo presenta una delle sue invenzioni. Si tratta della Quimera, formazione di musica popolare di connotazione più acustica rispetto allo storico "Dalfin" che ha promosso e continua a segnare la rinascita culturale dell’Occitania cis e transalpina. Nata per proporre uno spettacolo dedicato al Natale in Occitania, La Quimera offre, nella propria versione "estiva", un repertorio da ballo che spazia dalla musica delle valli occitane alle differenti danze dell'area d'oc come borreias, escotichas, rondeus, rigodons. Agli strumenti tipici della tradizione occitana come ghironda, fisarmonica cromatica e diatonica, violino, fifre, cornamuse La Quimera affianca una sezione ritmica formata dal basso e da un set minimale di batteria. Il tutto realizzato strizzando l'occhio più allo swing, al ragtime, al liscio che non al rock di ispirazione delfiniana così noto nelle valli e altrove.

 

# un salto in VALLE PO #

 

  • Sabato 27 luglio 2019 – ore 6.30

         MONVISO

         Rifugio Quintino Sella - Crissolo

            Matinè di Occit’amo

 

SONAIRES DELLA VAL GRANA

Da sempre la Valle Grana è fucina di nuovi talenti musicali legati alla tradizione. In occasione della matiné al Quintino Sella alcuni giovanissimi suonatori presenteranno la loro arte al pubblico di Occit'amo.

 

  • -Salita in Rifugio: Venerdì 26 luglio 2019, Rifugio Quintino Sella al Monviso.

          Ore 18.00: aperitivo letterario con vini di produzione locale.

          Ore 19.00: cena con prodotti tipici

 

A seguire “LA LEZIONE DEL LIMITE”, laboratorio con lo scrittore e giornalista Roberto Mantovani, intermezzi musicali dei Sonaires della Val Grana.

Il laboratorio rientra nelle iniziative di “Rifugi di cultura" del Gruppo Terre Alte del Club Alpino Italiano.

 

 

Sabato 27 luglio 2019

 ore 16.00 ( durata dell'incontro: due tempi da 30 minuti)

Melle – Campo Sportivo

 PRIMO TROFEO OCCIT’AMO

 Saluzzo North West Roosters Vs All Star

 (componenti maschili e femminili si scambieranno il ruolo al fine di dare

una panoramica completa del tessuto sportivo territoriale)

 

Il Saluzzo Rugby nasce nel luglio 2010 dall'idea di un gruppo di giovani saluzzesi innamorati di questo sport. Dopo varie stagioni di militanza nel campionato di Serie C Piemonte e Liguria, nel 2015 la formazione (allenata dal coach Elio Giacoma) intraprende un percorso rivoluzionario di modifica del proprio gioco, passando dalla pratica del classico gioco a XV a quello XIII (Rugby League).

Il Saluzzo Rugby decide quindi di prendere l'eredità dei North West Roosters, club astigiano di rugby league fondato da giocatori sudafricani di grande esperienza rugbistica, tra cui Chris De Meyer e Gert Pens, e di intraprendere un'esperienza ambiziosa e rivoluzionaria. A seguito di un grande lavoro d''intese, nell'ottobre 2016 il Saluzzo NWR è la prima squadra di RL nella storia italiana a disputare un campionato internazionale, inserito nel girone PACA (Provenza e Costa Azzurra) del DN2 francese.

 

Un campionato nobile come quello della Francia, il campionato del rugby a 13, ha accolto in questa stagione la squadra saluzzese. Si è costruito un nuovo tessuto giovanile, tra visite nelle scuole, e camp tra Italia e Francia. Ora la rugby league e i Saluzzo Roosters incontrano Occit’amo. Un pomeriggio a tutto sport, protagoniste due squadre occitane e una serata loro dedicata. Un vero terzo tempo in amicizia, gusto e musica occitana.

Il Festival non vede l’ora di incontrare un pubblico giovane e giovanissimo, attento allo sport, curioso e che guarda al mondo d’oltralpe.

Tema chiave - sostiene la squadra – è l’internazionalità: “La nostra forza sta sul territorio, ma l’ambizione è quella di maturare anche altrove, proprio in quella Francia che ci vede protagonisti”. Occit’amo ha ambizioni simili: radici salde, ma la volontà di farsi conoscere dal mondo.

 

ore 19.30

Melle

Terzo Tempo – la cena alla bottega di Valle degli Antagonisti

Cena in piazza con la collaborazione della proloco e degli esercizi commerciali di Melle (birre artigianali e prodotti delle Terre del Monviso). Su prenotazione al n 338 8478525

 

 

ore 21.30

Melle

NUX VOMICA

 

I Nux Vomica sono la band simbolo di Nizza; sono guidati da Luigi Pastorelli, vero nome di Gigi de Nissa, che oltre ad essere autore, compositore, performer e fondatore del Carnevale Indipendente di Nizza, è una delle figure maggiormente collegate alla rinascita culturale e musicale occitana iniziata negli anni ottanta da Massilia Sound System e Fabulous Trobadors e alla sua rivisitazione in chiave moderna. Il 16 marzo pubblicheranno il loro nuovo album di inediti.

 

  • Domenica 28 luglio 2019 – ore 18.00

         Busca – Valmala, Area Santuario

EMANUELE NICO BERARDI con ROBERTO GEMMA

 

Già docente al Conservatorio Tito Schipa di Lecce della Cattedra di Fiati popolari, Emanuele Nico Berardi è considerato uno dei migliori polistrumentisti italiani nell’ambito della musica popolare, indiscusso maestro e profondo innovatore della zampogna (la cornamusa italiana). Mescola, primo in assoluto, strumenti e ritmi andini con la musica popolare dell’Italia del Sud. Una fusione che ha portato in giro per il mondo attraverso una intensa attività concertistica. Partecipa alla realizzazione di opere di Ramirez, Handel, Zimarino ecc., con diverse formazioni corali (“Teatro Petruzzelli”, “Harmonia”, “SudControCanto”, “Decima Sinfonia” ecc)., a colonne sonore (film “Io non ho la testa”, regia di E.Olmi, “Pietre miracoli e Petrolio”, di G. Pannone e diversi documentari).

 

È solista (zampogna, quena e charango) in diverse formazioni classiche (Ars Nova (Benevento), Kiss quintett (Bari), Zandonai (Trento), Orchestra di Avezzano ecc.). In duo con Horacio Duran Vidal (Inti Illimani), mette in scena “Encuentro” concerto per zampogna e charango. Partecipa a prestigiosi festival internazionali anche in qualità di relatore. Pubblica nel 2000 il cd La zampogna annunciatrice – Pastorali e canti di natali per zampogna e ciaramella” (Ed. Corriere “del Giorno) e nel 2009 “Il Soffio dell’Otre” (Ed. RadiciMusic), premiato quale miglior disco del mese dalla rivista belga “Le canard Folk”. Collabora come musicista e arrangiatore in una ventina di pubblicazioni discografiche.